Hotel

Agriturismo

Bed and Breakfast

Camping

Country House

Case vacanze

Stabilimenti Balneari
<<< S P O N S O R >>>
 
:: LA STORIA ::

Stemma del Comune

Nome antico:

Patrono:
SANTISSIMO SALVATORE – 18 MARZO

Altezza:
777 m.s.l.m.


Vista del Paese

Arquata del Tronto

.
Nei pressi di Trisungo esistono alcuni resti della via Salaria che testimoniano la presenza dei romani, tra cui il cippo del centesimo miglio dalla capitale. Segnali sicuri di Arquata vengono da citazioni relative all'XI secolo. Nel 1225 il paese si offrì spontaneamente ad Ascoli, ricevendone in cambio un'ampia autonomia. Nel XIV secolo, dopo un periodo di relativa indipendenza da Ascoli, Arqnata passò sotto il dominio di Norcia, alla quale fu ceduta da papa Martino V nel 1429. Arquata del Tronto fu poi protagonista di varie vicende politiche, restando sotto il possesso di Norcia fino al XVIII secolo. Nel periodo del Regno italico il paese era compreso nel dipartimento del Trasimeno.

Molto interessante è la Rocca, sita in una posizio­ne tale da dominare l'abi­tato. La costruzione risale al Duecento e fu ampliata attorno al XV secolo. II ca­stello è formato da un'alta torre quadrata e da un tor­rione circolare, collegati con cortine. Ad Arquata si trova inoltre la chiesa dell'Annunziata, presso la quale esistono una tela ed una croce astile del Cinquecento. Nella chiesa di San Francesco, situata in località Borgo, si trova­no tracce romaniche. I portali risalgono al Cinque­cento. Cantoria, pulpito E altari lignei sono del XVI XVII secolo. Alla chiesa del Salvatore si trova un crocifisso ligneo policromo del XIII secolo, mentre presso San Pietro esiste una tavola del XVI secolo attribuita a Cola dell'Amatrice.

 

 
 

 Inserisci la tua struttura - Disclaimer -

::::::::: Turismo Marche è un prodotto Find4You Find4You - Info: info@turismo-marche.com :::::::::